This is default featured slide 1 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 2 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 3 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 4 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 5 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

venerdì 2 marzo 2012

La Sicilia in Default e senza Futuro, serve un patto Bipartizan e una Class Action fra forze politiche e sociali di Remo Pulcini

La Sicilia non ha Futuro, la Sicilia e' defunta, la Sicilia non fa parte dell'Europa e dell'Italia, alla Sicilia non serve uno Statuto defunto.




La fotografia della Sicilia attuale, regione con ben 6.000.000 di abitanti, quanto ne hanno alcune piccole nazioni dell'Europa, una fotografia disastrosa ed irrecuperabile.

La Sicilia ha un gap con il resto del Paese e dell'Europa ormai incolmabile, e' una Regione fallita sia sul piano economico che nelle speranza di risollevare il proprio destino.

La Sicilia per il prossimo trentennio ha un futuro costellato di disoccupazione, emigrazione, poverta' e regressione.

Le colpe partono da molto lontano fino ad arrivare ai recenti Governo Berlusconi, Governo Monti, Governo Regionale e Cittadini Siciliani.

La Sicilia, una regione dove i fondi Fas ed Europei sono stati persi e "deportati" verso regioni piu' consapevoli.

Non possiamo puntare l'indice accusatorio verso il Nord in considerzione che al Governo Berlusconi e al Cipe, cioe' nella stanza dei "bottoni" si trovavano Ministri, Segretari di Partito, Presidenti del Senato Siciliani.

Perche' prendersela con la Lega se i nostri rappresentati votati spesso si sono venduti o comportati da ascari anziche' tutelare il nostro territorio.

Per non parlare del Governo Regionale dove in modo Bipartizan iniziando dal Presidente della Regione per finire al Pseudo-Sicilianista Micciche' non credono in una sola possibilità di riscatto dell'Isola !!!

Mi chiedo ! se non ci credono neppure i nostri rappresentanti, quelli che abbiamo votato (Sinistra, Centro, Destra, Autonomisti) per risolvere le questioni piu' urgenti come e' possibile avere una speranza ?


Poi ci siamo noi Siciliani egoisti, individualisti e Buddaci che spesso bussiamo alla porta di questo o quel politico per avere un riscontro personale, salvo poi fare un "Giorno da Leoni" fra mille da "Pecora".

Ecco questa e' la mia Sicilia.

Una Sicilia dove si fanno Convegni per parlare dell'Europa e di magnificenze e dove ogni tanto viene sbandierata la questione "Statuto Siciliano" come un arma elettorale quando tutti noi sappiamo che lo Statuto Siciliano e' carta straccia, ormai defunto e superato per colpa nostra.

In tutta questa situazione non ci accorgiamo (tutti noi; dal singolo cittadino, al politico di turno per passare alla forze economiche e sociali) che la SICILIA E' DEFUNTA !

La Sicilia e' in Default Economico, che viene di volta in volta mascherato con trucchetti vari.

La Sicilia perdendo il "Ponte sullo Stretto" di fatto ha spento i riflettori Europei sulla Regione, giocandosi le infrastrutture ferroviarie, autostradali e marine e facendo rimpinguare le casse delle societa' che hanno trovato vantaggi dal non farlo.

La Sicilia ormai isolata da TrenItalia non solo non riuscira' a mandare in Europa i suoi figli sui pochi carri bestiame che TrenItalia ci regala, ma di fatto e' destinata a far fallire le poche Aziende Siciliane perche' non puo' portare le merci nei mercati Europei o Africani

La Sicilia non puo' neppure attuare una strategia di tax free per le imprese che vogliono investire al Sud, di fatto finirebbe solamente per regalare soldi alle societa' investitrici perche' queste anche se avessero la buona volontà di produrre sarebbero nell'impossibilita' di farlo per carenze infrastrutturali di ogni tipo.

La Sicilia dovrebbe guardare al mercato del Mediterraneo aprendosi agl'investimenti Cinesi di fatto si e' gia' giocata questa possibilita' nel temporeggiare e regalandola paradossalmente alla Francia e alla Germania che hanno stipulato accordi proprio con i Cinesi.
Purtroppo noi siamo anche come mentalita' indietro, siamo rimasti ai tempi della guerra fredda non comprendendo le potenzialita' di fare accordi commerciali con la Cina. Abbiamo tanto criticato questa mia posizione che guarda caso e' stata subito raccolta dalla Germani che ha ben compreso l'importanza di fare accordi con la Cina badate bene non per portare le merci in Europa (In Europa la Cina entra da Est) ma in Africa.

Di fatto la Sicilia che doveva diventare la Portaerei del Mediterraneo si e- ampiamente giocata questa possibilita'.

Oggi la Portaerei del Mediterraneo e' diventata la Germania soffiandoci anche questa flebile speranza.


Molti di voi che mi stanno leggendo potreste pensare: ecco il solito sapientone, che critica e non da nessun contributo.

Ebbene il contributo lo vorrei dare e' questo:

Cosa bisognerebbe fare ? Semplice, bisogna fare come ha fatto l'Italia realizzando un "Governo Monti Siciliano".
Non serve sbraitare l' Indipendenza o rivoluzioni, che non solo non sono realizzabili ma se anche lo fossero sarebbero una iattura per la Sicilia.

Una Sicilia in Default e senza possibilita' di competere nei mercati esteri diventerebbe un campo di battaglia traformandosi in guerra civile, dove gli stessi Siciliai si ammazzerrebbero fra loro.

Io credo che serva un "GOVERNO MONTI SICILIANO", un governo alla cui testa della Regione Sicilia ci sia un Italiano capace e non Siciliano, che possa fare le stesse cose che sta facendo Monti per l'Italia e cioe' realizzando quello che i partiti non possono fare e non sosno stati capaci di realizzare.

Un Monti Presidente della Regione e attorniato d'Asssori anche espressione dei partiti che pero' siano consapevoli della necessita' di uscire dal Baratro.

Una azione Bipartizan pensata nel tutti uniti, anche con Lombardo, Micciche' passando per Ivan Lo Bello e altri rappresentanti dei settori produttivi Siciliani che possano sostenere questo "overno Monti Siciliano"
ed il cui obiettivo sia quello di rivendicare e riprendersi il nostro futuro.

La prima azione potrebbe essere (qui faccio una appello ai Siciliani) una CLASS ACTION contro TRENITALIA per aver isolato l'isola.

Basta pensare che le Infrastrutture che la Sicilia dovrebbe avere da tempo sono queste:

“Facciamoci un’idea di una Sicilia unificata, con al centro un hub aeroportuale intercontinentale nell’area ennese dove confluiscano le linee ferroviarie ad alta velocità e le autostrade, per cui da Catania ad Agrigento su treno invece delle attuali 3 ore e 40 si impiegherà 42 minuti, o la Palermo-Catania invece di 3 ore si farà in 55 minuti, la Messina-Agrigento 50 minuti invece di 4 ore e 48."

Nessuna utopia ma realta' che non siamo in grado di leggere ed invece ci troviamo con un sistema Infrastrutturale da paese sottosviluppato.

Mi chiedo come e' possibile che si spendano per 80 Km da TrenItalia, tra Firenze e Bologna, secondo una valutazione effettuata da Il sole 24 ore, e per questa linea, a causa del tracciato quasi interamente in galleria, circa 70 milioni di euro al chilometro 4 volte piu- che nel resto d'Europa per l'Alta Velocita' e poi per la Sicilia non si trovano i soldi per le nostre linee che al Km costano 10 volte di meno ?

Perche' TreniItalia ha dismesso l'attraversamento dello Stretto lasciando una sola nave vetusta, quando di fatto il Ponte sullo Stretto non si fara' ? Siamo forse prigionieri o cittadini di serie D ?

Gli argomenti sono molti e le domande pure, personalmente ho avviato una Petizione accolta dalla Comunita' Europea sulla questione " Corridoio 1 Berlino-Palermo" ed e' in corso d'esame. Ho pure avviato un ricorso contro TrenItalia per la questione "Treni Notte" che non e' stato accolto perche' non di competenza Europea ma Nazionale anche se i commenti sono favorevoli al mio ricorso.

(Vedi Allegati)
http://www.progettomezzogiorno.com/#uds-search-results


Remo Pulcini
Presidente Compagnia del Mezzogiorno
Marketing Politico

VAI SUL BLOG PRINCIPALE : IL GIORNALE DELLA POLITICA . COM

domenica 12 febbraio 2012

ATTENZIONE PER IL MOMENTO E PER MOTIVI D'IMPEGNO SI PUBBLICA SU :WWW.ILGIORNALEDELLA POLITICA.COM

ATTENZIONE PER IL MOMENTO E PER MOTIVI D'IMPEGNO SI PUBBLICA SU : WWW.ILGIORNALEDELLAPOLITICA.COM

POTETE CMQ CONTATTARMI PER INFORMAZIONI A:
remo.pulcini@tin.it

lunedì 9 gennaio 2012

IL GIORNALE DELLA POLITICA: REMO PULCINI PRESENTA PRESSO IL MEDIATORE EUROPEO ...

IL GIORNALE DELLA POLITICA: REMO PULCINI PRESENTA PRESSO IL MEDIATORE EUROPEO ...: REMO PULCINI PRESENTA PRESSO IL MEDIATORE EUROPEO LA DENUNCIA CONTRO TRENITALIA PER IL RIPRISTINO DEI TRENI NOTTE !!! ECCO LA RISPOSTA CHE...

lunedì 26 dicembre 2011

IL GIORNALE DELLA POLITICA: EVASIONE E MEZZOGIORNO Non è vero, come sostiene M...

IL GIORNALE DELLA POLITICA: EVASIONE E MEZZOGIORNO Non è vero, come sostiene M...: Mi riferisco ad un recente intervento dell’on. Roberto Maroni. Da un lato, va apprezzata la ricercatezza, anche lessicale, di cui l’ex mini...

IL GIORNALE DELLA POLITICA: GIOVANI E DONNE DEL SUD TSUNAMI - FUORI DALL'OCCUP...

IL GIORNALE DELLA POLITICA: GIOVANI E DONNE DEL SUD TSUNAMI - FUORI DALL'OCCUP...: E' TSUNAMI SENZA RIMEDIO AL SUD SOLO IL 20% LAVORA TRA 18-40 ANNI 7 RAGAZZI SU 10 SONO FUORI DAL MERCATO DEL LAVORO 4 DONNE SU 5 SONO ...

CREARE UNA LINEA AD ALTA VELOCITA' IN PATNERSHIP TRA REGIONE E NTV

Il treno di NTV, opererà solamente sulle linee ad alta velocità del territorio nazionale, in quanto sono le uniche tratte del trasporto ferroviario italiano ad essere state liberalizzate.

BENE SU MIA RICHIESTA NTV APPENA CI SARA' LA VOLONTA DI LIBERALIZZARE LE TRATTE COMUNI, (NATURALEMENTE LA LIBERALIZZAZIONE SARA' OSTEGGIATA DA INTERESSI POLITICI)E' DISPONIBILE AD AFFRONTARE LA SFIDA.

Bene se Treni Italia ha rinunciato a colpmare il Gap infrastrutturale del Sud per soddisfare solo l'Alta Velocita' del resto d'Italia e bene che i nostri politici

MERIDONALI E SICILIANI IN MODO BIPARTIZAN ALZINO IL CULO E INIZINO A SPINGERE TALE LIBERALIZZAZIONE.

Inoltre invito il Presidente della Regione Sicilia ad organizzare un incontro con il vertice della azienda NTV per meglio capire quali possibili scenrai e' possibile realizzare.

REMO PULCINI
PRESIDENTE
ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO

domenica 25 dicembre 2011

ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO: REMO PULCINI E L'ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOG...

ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO: REMO PULCINI E L'ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOG...: DOPO LA PETIZIONE CHE DICIAMO IN MODO CALCISTICO HO VINTO E CHE LA COMUNITA' EUROPAE STA PORTANDO AVANTI GRAZIE ALLA MIA PERSONA REMO PULC...

ATTENZIONE HO ANCHE SCRITTO ALLA NUOVA COMPAGNIA PRIVATA NTV CHE PUR DICHIARANDOSI DISPONIBILE HA LE MANI LEGATE LEGGETE QUA LA RISPOSTA

Gentile Remo,
la ringraziamo per l'interessamento dimostrato verso la nostra azienda.
La informiamo che italo, il treno di NTV, opererà solamente sulle linee ad alta velocità del territorio nazionale, in quanto sono le uniche tratte del trasporto ferroviario italiano ad essere state liberalizzate. Qualora il trasporto regionale verrà liberalizzato, italo sarà pronto ad affrontare questa nuova sfida.

REMO PULCINI E L'ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO LANCIANO UNA PETIZIONE ALLA COMUNITA' EUROPEA IN DIFESA DEL POPOLO SICILIANO E MERIDIONALE CONTRO TRENITALIA

DOPO LA PETIZIONE CHE DICIAMO IN MODO CALCISTICO HO VINTO E CHE LA COMUNITA' EUROPEA STA PORTANDO AVANTI GRAZIE ALLA MIA PERSONA

REMO PULCINI (COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO)

PER IL RIPRISTINO DEL CORRIDOIO 1 (BERLINO-PALERMO-MALTA)

HO LANCIATO UNA PETIZIONE NUOVA CHE SPERIAMO VENGA ACCOLTA (PERCHE' RIGUARDA UNA AZIENDA STATALE/PRIVATA):

Di fatto potrebbe non essere materia della Comunita' Europea se non per il fatto che agisce a danno di una popolazione Europea.

ECCO LA PETIZIONE:

RIPRISTINARE I COLLEGAMENTI DALLA SICILIA CON IL CONTINENTE ATTRAVERSO I TRENI NOTTE E COSTRUZIONE DI UNA RETE AD ALTA VELOCITA'DELL'AZIENDA PUBBLICA TRENITALIA CHE HA DIVISO LA SICILIA DAL RESTO DELL'EUROPA ISOLANDO IL POPOLO SICILIANO DALL'EUROPA.

RIPRISTINARE I COLLEGAMENTI DALLA SICILIA CON IL CONTINENTE ATTRAVERSO I TRENI NOTTE DELL'AZIENDA PUBBLICA TRENITALIA CHE HA DIVISO LA SICILIA DAL RESTO DELL'EUROPA, ISOLANDO IL POPOLO SICILIANO DALL'EUROPA.

IN PRATICA L'AZIENDA TRENITALIA CHE AGISCE IN REGIME DI MONOPOLIO E FINANZIATA CON SOLDI STATALI ELIMINA I COLLEGAMENTI DALLA SICILIA VERSO IL CONTINENTE CON I TRENI NOTTE ISOLANDO DI FATTO LA SICILIA ED IL POPOLO SICILIANO CHE NON HA POSSIBILITA' DI AVERE ALTERNATIVE.

QUESTA SCELTA E' ATTUATA SULLA BASE DI QUESTE CONSIDERAZIONI:

1) I TRENI NOTTE NON SONO PIU' CONVENIENTI PER L'AZIENDA

IN REALTA' AVVIENE QUESTO:

1) L’Alta Velocità drena gran parte delle risorse e i Frecciarossa invadono ogni tratta. (TRANNE LA SICILIA E LE REGIONI MERIDIONALI)

2) Trenitalia parla di razionalizzazione di un servizio dove la domanda era ormai in calo, ma al binario 21 vedono le cose diversamente. Denunciano manipolazioni nei database che gestiscono le prenotazioni, già dal 2008: “Era impossibile prenotare online, i posti risultavano tutti pieni. Ma sul treno il posto c’era eccome, e i controllori non applicavano maggiorazioni a chi voleva fare il biglietto a bordo perché sapevano bene come stavano le cose”. E c’è dell’altro: “La manutenzione era ai minimi, così da degradare la qualità del servizio e allontanare gli utenti”. (ARTICOLO DI UN QUOTIDIANO IL FATTOQUOTIDIANO.IT)

3) Le compagnie aeree low cost hanno reso i treni Nord-Sud meno strategici. Ma toglierli tutti è assurdo.” La pensa così Dario Balotta, responsabile trasporti per Legambiente in Lombardia, che ricorda come Ferrovie dello Stato sia responsabile anche del servizio universale, per il quale lo Stato versa ogni anno miliardi di euro a sussidio delle tratte che i ricavi dei biglietti non coprono del tutto. (QUESTI SOLDI SONO PAGATI ANCHE DAI CITTADINI SICILIANI E QUINDI EUROPEI CHE HANNO BISOGNO DI TUTELA)

LE RAGIONI DELLA PETIZIONE A SUO SOSTEGNO SONO:

1) I SICILIANI ED IL POPOLO MERIDONALE E' ANCHE CITTADINO EUROPEO

2) TRENITALIA AGISCE IN REGIME DI MONOPOLIO ED ESSENDO FINANZIATO DA FONDI DELLO STATO NON PUO' FARE SOLO PROFITTO MA DEVE TENERE CONTO ANCHE DEL SERVIZIO DA DARE AI CITTADINI

3) TRENITALIA condanna a costi elevati passeggeri e contribuenti SICILIANI E MERIDONALI.

4) TRENITALIA NON HA AL SUD NE TANTO MENO IN SICILIA SERVIZI DI ALTA VELOCITA' CONDANNANDO PARTE DEL POPOLO SICILIANO E MERIDIONALE AD UN ISOLAMENTO E A UN GAP PRODUTTIVO CHE VA CONTRO I PRINCIPI DI UNIONE DELL'EUROPA

5) IL POPOLO SICILIANO E MERIDONALE NON PUO' ESSERE ISOLATO DA UN AZIENDA STATALE E IN REGIME DI MONOPOLIO CHE PRODUCE UN GAP (SECESSIONE) TRA QUESTO POPOLO ED IL RESTO DELLE POPOLAZIONI ITALIANE ED EUROPE VENENDO MENO AI PRINCI FONDATIVI DELLA COMUNITA' EUROPEA.

IL LINK DELLA PETIZONE ONLINE (ATTENZIONE NON QUELLA EUROPEA DA ME PRESENTATA CON MODALITA' E ARGOMENTAZIONI PIU' CONSONE).

LINK



ATTENZIONE HO ANCHE SCRITTO ALLA NUOVA COMPAGNIA PRIVATA CHE PUR DICHIARANDOSI DISPONIBILE HA LE MANI LEGATE LEGGETE QUA LA RISPOSTA:

"La informiamo che italo, il treno di NTV, opererà solamente sulle linee ad alta velocità del territorio nazionale, in quanto sono le uniche tratte del trasporto ferroviario italiano ad essere state liberalizzate. Qualora il trasporto regionale verrà liberalizzato, italo sarà pronto ad affrontare questa nuova sfida."

TUTTAVIA STO PREPARANDO UNA PROPOSTA A NTV CHE COINVOLGE LA SICILIA E IL SUO PRESIDENTE CHE SE VA IN PORTO CAMBIERA' IL VOLTO DELLA STESSA ISOLA.

SALUTI
REMO PULCINI
PRESIDENTE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO

Cerca nel blog

Caricamento in corso...